Organo straordinario della liquidazione deliberazione n. 5 del 04/10/2023

Dettagli della notizia

Definizione agevolata (rottamazione quater). Art. 1, commi da 231 a 252, della legge n. 197/2022 e s. m. e i.. Cartelle esattoriali a carico del Comune di Zapponeta – O. S. L. Adesione. Liquidazione e pagamento debito residuo.

Data:

04 Ottobre 2023

Tempo di lettura:

Descrizione

L'anno duemilaventitrè, il giorno quattro, del mese di ottobre, alle ore 16,30, nella Casa comunale, è presente l’Organismo Straordinario di Liquidazione, nella persona del Commissario, dott. Giuseppe Longo.

Partecipa alla riunione  il Vice Segretario del Comune Dott. Martino Mignogna, nella qualità di segretario verbalizzante.

L’Organismo Straordinario di Liquidazione, come sopra costituito,

PREMESSO CHE:
il Comune di Zapponeta, con delibera del Commissario Straordinario n. 12 del 10 dicembre 2012, esecutiva,  ha deliberato il dissesto finanziario;
con Decreto del Presidente Repubblica. in data 24 novembre 2022, è stato nominato il dott. Giuseppe Longo Commissario Straordinario di Liquidazione per l’amministrazione della gestione e dell’indebitamento pregresso, nonché per l’adozione di tutti i provvedimenti per l’estinzione dei debiti dell’Ente, in sostituzione del precedente Commissario;
in data 21 dicembre 2022 il citato Decreto presidenziale è stato formalmente notificato al Commissario straordinario di liquidazione: dott. Giuseppe Longo;
ai sensi dell’articolo 252, comma 2 del Testo Unico delle leggi sull’Ordinamento degli Enti locali, approvato con decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267 e successive modifiche ed integrazioni, l’Organismo Straordinario di Liquidazione, nella persona del Commissario, dott. Giuseppe Longo, si è regolarmente insediato in data 21/12/2022, giusta deliberazione dell’O.S.L. del 21/12/2022;
il Comune di Zapponeta con deliberazione di Giunta comunale n. 121 del 18/11/2014, esecutiva ai sensi di legge, ha adottato la procedura semplificata di liquidazione di cui all’art. 258 del T.U.E.L., approvato con D. L.vo n. 267/2000, per cui il credito riconosciuto è liquidabile in base ad una percentuale tra il 40 ed il 60 per cento, sulla base dell’anzianità dello stesso;
la normativa in materia di Comuni dissestati dispone in merito alle risorse per proporre a tutti i creditori ammessi alla massa passiva la transazione nei termini di cui sopra ovvero, alternativamente, a garantire le risorse per effettuare gli accantonamenti, nel caso in cui venga rifiutata la proposta di transazione;
presso il conto di tesoreria del Comune di Zapponeta risultano accreditate le somme per far fronte agli impegni dell’O.S.L, riversate sul conto di tesoreria dell’OSL aperto sempre presso il Tesoriere comunale;

RILEVATO CHE:
la legge di Bilancio 2023 (legge n. 197/2022), nella parte relativa alla c.d. “tregua fiscale” ovvero art. 1, commi da 231al numero 252, introduce una nuova definizione agevolata per i debiti contenuti nei carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022, anche se ricompresi in precedenti misure agevolative di cui si è determinata l’inefficacia;
in base alla richiamata normativa, si possono estinguere i debiti iscritti a ruolo senza la corresponsione delle somme affidate all’Agente della riscossione a titolo di interessi, sanzioni e aggio di riscossione e versando, quindi, la sola sorte capitale;
la c.d. rottamazione-quater, pertanto, ammette la definizione agevolata per i debiti contenuti nei carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 30 giugno 2022;
la scadenza iniziale per usufruire della c.d. rottamazione era la presentazione della manifestazione di procedere alla definizione agevolativa entro il 30 aprile 2023; data successivamente prorogata al 30 giugno 2023, ai sensi dell’art. 4 del D.L. n. 51/2023 del 10 maggio 2023;
il relativo versamento in più rate ovvero in un’unica soluzione, era previsto entro il 31 luglio 2023, termine prorogato al 31 ottobre 2023, così come previsto dal Decreto-Legge n. 51/2023 ovvero nel numero massimo di diciotto rate, di cui la prima e la seconda, ciascuna di importo pari al 10 per cento delle somme complessivamente dovute ai fini della definizione, con le scadenze previste dalla normativa di riferimento;
in base a detta normativa, a coloro che presenteranno la richiesta di Definizione agevolata, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione invierà entro il 30 giugno 2023 (termine prorogato al 30 settembre) la comunicazione con l’esito della domanda, l’ammontare delle somme dovute ai fini della definizione e i moduli di pagamento in base al piano di rate scelto in fase di adesione;
l’O.S.L. stante la convenienza che si avrebbe in caso di adesione alla rottamazione, ha chiesto all’Agente della riscossione il prospetto informativo per la definizione agevolata;
al Comune di Zapponeta risulta assegnato il codice identificativo: W-2023041905781748;
dal prospetto ricevuto risultano n. 27 cartelle/avvisi a carico del Comune di Zapponeta, per un importo complessivo di €. 440.582,91, ridotti ad €. 216.071,06 nel caso di adesione all’agevolazione;
con nota prot. n. 5413 del 21/06/2023, il Responsabile del Settore Economico-finanziario del Comune di Zapponeta, a seguito di puntuale esame e per quanto di propria competenza, ha relazionato in ordine alle 27 cartelle/avvisi nelle quali l’Ente risulta debitore nei confronti di Agenzia delle Entrate-Riscossione e rientranti nella possibilità di definizione agevolata prevista dalla citata legge n. 197/2022;
nella suddetta relazione prot. 5413/2023 è emerso che in merito alle 27 cartelle/avvisi la competenza è per 14 di esse della Commissione Straordinaria di Liquidazione e per 13 di esse del Comune di Zapponeta;
tutte le cartelle oggetto di definizione agevolata sono esecutive e passate in giudicato e i relativi crediti sono ope legis certi, liquidi ed esigibili;
delle n. 14 cartelle/avviso di competenza dell’O.S.L. sono di seguito riportate:

DEBITO OSL
Num. Ord. N. CARTELLA IMPORTO
CARTELLA
IMPORTO
ROTTAMAZIONE
SI/NO
1 04320120000809409000 26.089,84 €                          11.022,00 SI
2 04320130008183678000 82.662,38 €                          44.224,00 SI
3 04320140006084083000 18.912,78 €                          10.368,17 SI
4 04320140014553151000 62.972,37 €                          33.855,89 SI
5 04320150013511938000 8.821,03 €                           4.915,46 SI
6 04320160011347647000 512,15 €                              318,57 NO
7 04320170002923850000 467,91 €                                  8,75 SI
8 04320170008419544000 337,26 €                              211,56 NO
9 04320180009612149000 165,12 €                              107,01 NO
10 34320190004313951000 58.602,90 €                          31.769,57 SI
11 TVK040401885/2016 43.736,19 €                          18.089,38 SI
12 TVK040401893/2016 31.298,29 €                          13.161,66 SI
13 TVK040404570/2015 21.319,59 €                           8.082,00 SI
14 TVK070401864/2016 3.357,09 €                           1.428,75 SI
Totale 359.254,90 177.562,77 €
Totale Si/No 176.925,63 €

dall’esame delle suddette cartelle/avviso risulta che il debito è nei confronti dell’erario ovvero della Regione Puglia, in quanto si riferiscono a mancati versamenti del Comune di Zapponeta per ritenute Irpef ovvero addizionale Irpef e, quindi, ritenute alla fonte quale sostituto di imposta, per cui il credito è da riconoscere nella misura del 100%, in quanto privilegiato (n. 11 cartelle contrassegnate con il SI), per un importo complessivo di €. 357.826,15 e da versare, nel caso di adesione, per €. 176.925,63, mentre la somma di €. 1.428,75 (€. 359.254,90 – 357.826,15) si riferisce al credito della Regione Puglia per mancati versamenti relativi alla tassa automobilistica per i mezzi di proprietà comunale e, quindi, crediti non privilegiati da versare nella misura tra il 40 ed il 60 per cento nel caso di riconoscimento del credito ed accettazione da parte della Regione Puglia (n. 3 cartelle contrassegnate con il NO), anche se di competenza dell’O.S.L.,

DATO ATTO:
- che l’art. 258 del D. L.vo 18.08.2000, n. 267, che disciplina le modalità semplificate di accertamento e liquidazione dell’indebitamento pregresso, prevede:
comma 2 – “… L’ente locale dissestato è tenuto … a mettere a disposizione risorse finanziarie liquide, per un importo che consenta di finanziare, …, tutti i debiti di cui ai commi 3 e 4 …..”;
comma 3 – “L’organo straordinario di liquidazione, effettuata una sommaria delibazione sulla fondatezza del credito vantato, può definire transattivamente le pretese dei relativi creditori, anche periodicamente, offrendo il pagamento di una somma variabile tra il 40 ed il 60 per cento del debito, in relazione all’anzianità dello stesso, con rinuncia ad ogni altra pretesa, e con la liquidazione obbligatoria, entro 30 giorni dalla conoscenza della accettazione della transazione. A tal fine, …, propone individualmente ai creditori, compresi quelli che vantano crediti privilegiati, fatta eccezione per i debiti relativi alle retribuzioni per prestazioni di lavoro subordinato che sono liquidate per intero, la transazione da accettare entro un termine prefissato comunque non superiore a 30 giorni. Ricevuta l’accettazione, l’organo straordinario di liquidazione provvede al pagamento nei trenta giorni successivi”;
comma 4 – “L’organo straordinario di liquidazione accantona l’importo del 50 per cento dei debiti per i quali non è stata accettata la transazione. L’accantonamento è elevato al 100 per cento per i debiti assistiti da privilegio”;
comma 7 – “… E’ restituita all’ente locale dissestato la quota di risorse finanziarie liquide dallo stesso messe a disposizione esuberanti rispetto alle necessità della liquidazione dopo il pagamento dei debiti”;
- che in forza dell’adozione della procedura semplificata di cui alla richiamata deliberazione di Giunta comunale n. 121 del 18/11/2014, sono stati definiti i criteri per la determinazione e la liquidazione della massa passiva, utilizzando le risorse finanziarie già a disposizione e nel rispetto di quanto statuito con il richiamato art. 258 del TUEL;
- che l’importo, pari ad €. 357.826,15, delle suddette 11 cartelle/avvisi riconoscibili, è comprensivo sia della sorte capitale che degli interessi, sanzioni, delle spese e degli aggi dovuti alla concessionaria, come da prospetto agli atti di Ufficio e che l’importo dovuto è pari ad €. 176.925,63;
- che, si specifica, l’importo, pari ad €. 176.925,63, è da pagare solo a seguito della comunicazione da parte di Agenzia delle Entrate-Riscossione dell’accettazione della definizione agevolata per le altre cartelle/avvisi di cui sopra;
- che, stante la natura e la finalità della definizione agevolata, con propria deliberazione n. 3 del 21/06/2023, esecutiva ai sensi di legge, si è reputato opportuno aderire alla stessa per la parte di propria competenza, considerando che il debito esistente si riferisce quasi totalmente per mancati versamenti ritenute Irpef ovvero ritenute addizionali Irpef e, pertanto, trattasi di crediti privilegiati, con accantonamento sia della sorte capitale che degli accessori nella misura del 100% di quanto richiesto, mentre per le altre partite trattasi di modesti importi, pari ad €. 1.428,75, che saranno trattate separatamente in quanto crediti non privilegiati;
- che in base all’adesione alla definizione agevolata da parte dell’O.S.L., l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha accettato la domanda, contraddistinta con il numero AT – 04390202300541268180 ed ha inviato la comunicazione, datata 24/07/2023 ed acquisita al protocollo generale in data 02/08/2023, al n. 6423, indicando l’ammontare complessivo della somma dovuta ai fini della definizione, pari ad €. 177.623,07 (per le n. 11 cartelle contrassegnate con il Si), oltre i moduli di pagamento in base al piano di rate scelto in fase di adesione, come da prospetto che allegato costituisce parte integrante e sostanziale;
- che, stante la natura e la finalità della definizione agevolata, nel confermare l’adesione all’adesione agevolata, si rende necessario procedere alla liquidazione e pagamento del dovuto in favore dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, per l’importo complessivo di €. 177.623,07 a fronte del debito di €. 359.802,97, da pagarsi entro il 31 ottobre 2023, in un’unica soluzione per evitare interessi e spese e data la temporaneità della funzione dell’O.S.L.;

RITENUTO, alla luce della documentazione agli atti e di quanto sopra esposto, provvedere in merito;

DATO ATTO, altresì, che con la spesa di cui alla presente le giacenze attualmente presenti sul conto di tesoreria dell’O.S.L. risultano essere comunque superiori al complesso degli accantonamenti da operarsi ai sensi dell’art. 258, comma 4, del  citato D. L.vo 18.08.2000, n. 267;

RAVVISATA l’urgenza di provvedere, stante l’imminente scadenza del termine per usufruire della definizione agevolata;

Con voti unanimi:

D E L I B E R A
La premessa è parte integrante sostanziale e ne costituisce motivazione;

Di confermare l’adesione alla definizione agevolata, ai sensi dell’art. 1, commi da 231 a 252 della legge n. 127/2022, per i carichi affidati all’Agenzia delle Entrate Riscossione dal 01 gennaio 2013 al 30 giugno 2022, contenuti nelle 11 cartelle rientranti nella competenza della Commissione Straordinaria di Liquidazione, come da elenco riportato in premessa;

Di dare atto e specificare che:
- in base all’adesione alla definizione agevolata da parte dell’O.S.L., l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha accettato la domanda, contraddistinta con il numero AT – 04390202300541268180 ed ha inviato la comunicazione, datata 24/07/2023 ed acquisita al protocollo generale in data 02/08/2023, al n. 6423, indicando l’ammontare complessivo della somma dovuta ai fini della definizione, pari ad €. 177.623,07, oltre i moduli di pagamento in base al piano di rate scelto in fase di adesione, come da prospetto che allegato costituisce parte integrante e sostanziale;
- stante la natura e la finalità della definizione agevolata, si rende necessario procedere alla liquidazione e pagamento del dovuto in favore dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, per l’importo complessivo di €. 177.623,07 a fronte del debito di €. 359.802,97, da pagarsi entro il 31 ottobre 2023, in un’unica soluzione per evitare interessi e spese e data la temporaneità della funzione dell’O.S.L.;

Di liquidare e pagare, per quanto sopra, in favore dell’Agenzia delle Entrate-Riscossione, la somma complessiva di €. 177.623,07, in un’unica soluzione ed entro e non oltre il 31 ottobre 2023, delegando la dipendente comunale Sig.ra Pasqua De Martino per i relativi adempimenti in esecuzione della presente e di quanto altro necessario ai fini della conclusione del procedimento di adesione alla definizione agevolata in questione;

Di stabilire e specificare cha la spesa di cui alla presente, pari ad €. 177.623,07, trova capienza e disponibilità sulle giacenze attualmente presenti sul conto di tesoreria dell’O.S.L. e specificatamente, con imputazione della spesa alla gestione commissariale - Cod. 01.01-1.03.02.01.002 “prestazioni di servizio”;

Di pubblicare la presente per 15 (quindici) giorni, a norma dell’art. 124, comma 1, del D. L.vo n. 267/2000 all’Albo Pretorio on line del Comune di Zapponeta;

Di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile, ai sensi dell’art. 134, comma 4, del D. L.vo n. 267/2000.

Alle ore  17,15  la seduta è sciolta.

Letto, confermato e sottoscritto.

L’Organismo  Straordinario di Liquidazione
          Dott. Giuseppe Longo
                                                                                                 Il Segretario  Verbalizzante
                                                                                                              Dott. Martino Mignogna

CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE

Il responsabile del Servizio certifica che, giusta relazione del Messo comunale, copia della presente deliberazione è stata pubblicata all'Albo Pretorio comunale il 04 ottobre 2023, per rimanere 15 giorni consecutivi.

Dalla sede comunale, 04/10/2023                                                        Il Responsabile del Servizio
Dott. Martino MIGNOGNA

Ultimo aggiornamento: 31/10/2023, 12:28